Allegri e il suo futuro alla Juve: “Ho ancora 2 anni di contratto, chiedete alla società”

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

La stagione 2022-2023 si è conclusa per il tecnico bianconero senza la conquista di alcun trofeo. A causa della penalizzazione di 10 punti, la squadra è finita al settimo posto in campionato, ma è riuscita comunque a qualificarsi per la prossima Conference League, in attesa di eventuali decisioni da parte della UEFA.

I Risultati e le Sfide Affrontate

Nonostante la penalizzazione, la Juventus può vantare un terzo posto in classifica (escludendo la penalizzazione) oltre alla semifinale raggiunta in Europa League e in Coppa Italia.

“Terzo posto (senza la penalizzazione, ndr), semifinale di Europa League e semifinale di Coppa Italia: questi sono i risultati. Non voglio alibi, in certi momenti abbiamo sbagliato, nella prima parte della stagione potevamo fare meglio. Purtroppo a Siviglia” nella semifinale di Europa League “si è fermata una rincorsa straordinaria. Avevamo l’obbligo di vincere per tentare questa rimonta, la squadra è arrivata a 72 punti migliorando il risultato dello scorso anno. Non ho nulla da rimproverare ai giocatori, bravi a stare sulle montagne russe in un’annata che ci ricorderemo bene”,

racconta a Dazn Massimiliano Allegri

Il tecnico non cerca scuse e riconosce che in certi momenti la squadra ha commesso degli errori, soprattutto nella prima parte della stagione in cui avrebbero potuto fare meglio. Purtroppo, nella semifinale di Europa League contro il Siviglia, la loro straordinaria rincorsa si è interrotta. La vittoria era obbligatoria per tentare questa rimonta, ma nonostante tutto, la squadra è riuscita ad accumulare 72 punti, migliorando così il risultato dello scorso anno. Il tecnico non ha nulla da rimproverare ai giocatori, che sono stati bravi a reggere il ritmo altalenante di questa stagione che sicuramente rimarrà nella memoria di tutti i tifosi juventini.

Le Prospettive per il Futuro

Il tecnico sottolinea l’importanza che la società pianifichi attentamente le mosse per la prossima stagione. Una volta ricevute le indicazioni, egli si metterà a disposizione come ha sempre fatto. Ammette di aver commesso errori e ammette che commetterà ancora degli errori, ma non vi è alcuna trattativa per risolvere il suo contratto. Ha ancora 2 anni di contratto e si mette a disposizione della società che ha 40 giorni di tempo per programmare il mercato e la stagione futura. In questo momento, c’è una nuova base su cui lavorare e il tecnico ha le idee chiare su come bisogna procedere. Ci sono tutti i presupposti per fare meglio nell’anno a venire.

Conclusioni

La stagione 2022-2023 è stata una stagione altalenante per la Juventus. Nonostante la penalizzazione di 10 punti, la squadra è riuscita a raggiungere il settimo posto in campionato, garantendo così la qualificazione alla prossima Conference League. I risultati ottenuti, come il terzo posto in classifica (senza la penalizzazione) e le semifinali di Europa League e Coppa Italia, dimostrano il valore della squadra, nonostante gli ostacoli incontrati lungo il percorso. Il tecnico ha espresso la sua fiducia nella società e ha offerto il suo impegno per il futuro. Sarà interessante vedere come la Juventus si preparerà per la prossima stagione e se riuscirà a raggiungere i propri obiettivi.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti
P