Calcio

Lo scorso anno fu 3-3: il Lecce, avversario del Gabbiano

La regina del girone – con un esiguo vantaggio sulle due principali antagoniste – con alle spalle 15 campionati in massima serie, partecipa per la sesta stagione consecutiva in Lega Pro. Il Lecce, ha conosciuto il definitivo rilancio con il suo nuovo allenatore Fabio Liverani, scelto dal presidente Enrico Tundo in sostituzione del dimissionario Roberto Rizzo (ex bandiera del Monopoli. Il tecnico romano ha dimostrato di aver trovato la quadratura del cerchio in un ambiente storicamente esigente. Dei 37 punti totalizzati nelle 17 partite, 22 provengono da quelle disputate al Via del Mare – il 59,5% dei punti. I giallorossi, in casa, sono un autentico rullo compressore (7 vittorie, 1 pareggio, nessuna sconfitta) con questa cronologia: 2-1 sul Trapani, 1-0 sul Rende, 3-1 sul Bisceglie, 3-2 ai danni della Sicula Leonzio, 0-0 contro l’Akragas, 1-0 sul Cosenza, 2-1 sulla Casertana, 3-2 sulla Reggina; mettendo a segno 15 reti e subendone 7 nelle specifiche partite. Di 28-17 è, invece, lo score delle reti fatte-subite nelle complessive gare di campionato. Matteo Di Piazza con 7 reti è il maggior realizzatore. Il Lecce ha un’età media di poco inferiore ai 26 anni e mezzo. Sono in quattro i giocatori stranieri in prima squadra: i lituani Dubickas e Megelaitis, il portoghese Costa Ferreira, e il bulgaro Tsonev. Il modulo predominante è il 4-3-1-2. L’ultimo schieramento in occasione del pareggio ottenuto nella trasferta di Pagani: Perucchini; Lepore, Cosenza (72′ Riccardi), Drudi, Ciancio; Armellino (72′ Costa Ferreira), Arrigoni, Tsonev (86′ Persano); Mancosu; Torromino (60′ Caturano), Di Piazza.

Il mercato estivo in sintesi

Tra i pali il ritorno di Perucchini (in prestito dal Bologna), con uno dei suoi alter-ego prelevato dal Gravina, l’under 1995 Vicino. Per il reparto difensivo sono arrivati: il centrale classe ’96 Riccardi dal Sud Tirol (proprietà H. Verona), Marino dal Modena, il terzino Di Matteo dal Latina, i ’98, Valeri dal Rieti, e Gambardella dal Sassuolo. Per il centrocampo: il mediano lituano classe ‘98 Megelaitis in prestito dallo Svyturys, Armellino dal Matera. Per il reparto offensivo: l’ala lituana classe ’98 Edgaras Dubickas anch’egli proveniente dallo Svyturys, Di Piazza in prestito dal Foggia, oltre a Persano in prestito dal Modena (nelle fila del Siracusa nella seconda metà stagione dell’anno scorso). A fronte di questi importati arrivi, i salentini hanno confermato gran parte dei protagonisti della passata stagione, come ad esempio: i centrali difensivi Cosenza e Drudi, il terzino Ciancio, il mediano Andrea Arrigoni, il bulgaro Tsonev, il portoghese Costa Ferreira, il trequartista Marco Mancosu, oltre alle punte Lepore, Pacilli e Caturano.

Precedenti storici

Quello di domenica sarà il terzo impegno disputato sul terreno del Via del Mare in partite di campionato tra le due contendenti. Nei due precedenti – entrambi in Lega Pro – il bilancio parla di una vittoria dei giallorossi, e di un pareggio: il primo, fu un successo di misura datato 2 novembre 2015 con rete decisiva di Moscardelli. L’altro, un rocambolesco 3-3 il 22 dicembre 2016, con una doppietta di Montini, rimonta e contro-rimonta e rete conclusiva di Gatto. La prima assoluta si perde invece nella notte dei tempi e risale al 10 settembre 1975 in una gara di Coppa Italia Semi-pro. Si trattò di un minigirone all’italiana la cui gara unica venne disputata sul terreno in sansa del Veneziani. Per la cronaca terminò 1-1.

Commenti
To Top