Futsal

Futsal Cisternino sconfitto dalla capolista

Il 2018 si apre con una sconfitta si, ma dignitosa e rispettabile per il gioco espresso soprattutto nella prima frazione contro la capolista Acqua e Sapone. Le occasione create, con intelligenza tattica e tanta volontà fanno della Block Stem Cisternino una squadra rognosa, ostica da contrastare e difficile da superare.
Al Pala Santa Filomena finisce per 6-2 per i padroni di casa, che si dimostrano e si confermano una corazzata che ha davvero tutto per vincere il tricolore.
Ancora una volta da elogiare i nostri tifosi che in un giorno festivo hanno supportato la compagine giallorossa. Magnifici, ma questo lo stanno dimostrando per tutto lo stivale.
La prossima settimana sarà assolutamente cruciale, sia in ottica coppa Divisione, con la sfida al PalaDolmen, il 9, al Bisceglie, sia in campionato, con uno scontro diretto e per nulla semplice, a Martina Franca, contro l’Eboli ad oggi a pari punti con la formazione cistranese.

La partita – Ricci schiera il quintetto base con Mammarella, Jonas, Calderolli, Lukaian e Bertoni, mentre il Cisternino risponde con De Simone, Leggiero, Josiko, Bruno e Franklin.
L’inizio è eccezionale per gli abruzzesi, terribile per i pugliesi, Bertoni fa un goal praticamente identico all’andata, dagli sviluppi di un corner con un fantastico tiro di destro.
Dopo 6’ il punteggio è già di 2-0, Calderolli sigla il bis per l’A&S, il Cisternino non ci sta e più e più volte si affaccia dalle parti di Mammarella, con Leggiero e Franklin soprattutto, ma il numero uno della nazionale è sontuoso in parecchie circostanze.
Nel momento migliore dei giallorossi, Murilo trova un super goal, ma poco meno di 2’ più tardi è Bruno a superare Mammarella riportando in partita la Block Stem, 3-1 alla sirena del primo tempo.
Nel secondo tempo, la squadra di mister Basile parte con l’acceleratore premuto al massimo, Josiko ci prova ma ancora una volta a sbarrargli la strada è il numero uno locale.
Ma il goal lo trova l’Acqua e Sapone al 5’ con un bolide impressionante di Bocao, che sfrutta un disimpegno errato della Block Stem.
A 10’ dalla fine della gara, Basile opta per il portiere di movimento, con Leggiero che sostituisce De Simone.
Al 9’ Lukaian di testa prova a fare il quinto goal per i biancazzurri, Bruno stoppa il pallone ma secondo i direttori di gara lo fa con il braccio: rosso e rigore per l’A&S, trasformato da Lukaian, 5-1.
La resistenza dei giallorossi è stoica, nonostante una bassa rotazione, Leggiero trova la rete del 5-2 con il portiere di movimento, ma poco dopo è Calderolli a fare il 6-2 al 17’ del s.t. trovando sguarnita la porta giallorossa.
Alla sirena finale, il punteggio dice Acqua e Sapone 6 -2 Cisternino, con gli abruzzesi che consolidano il proprio primato.

Testa agli scontri diretti – Eravamo consci del fatto che questa sarebbe stata una delle gare più ardue di tutto il campionato, in casa di una squadra che verosimilmente troveremo in fondo in qualsiasi competizione. Non bisogna disperarsi, anche perché la prima frazione soprattutto è stata di assoluto rispetto, ma bisogna lavorare ancor più sodo per arrivare al top della forma nel momento cruciale della stagione, ovvero quello degli scontri diretti. Venerdì, al PalaWojtyla, ci sarà l’Eboli in uno match mozzafiato tra due neopromosse in cerca di punti vitali. Il sesto uomo potrà e dovrà essere fondamentale.

Commenti
To Top