Calcio

Monopoli-Sicula Leonzio 1-1: di buono c’è soprattutto l’aver mosso la classifica

E’ stata la partita del “vorrei tanto  ..ma non ci riesco proprio”. Partita che ai punti avrebbe maggiormente premiato i padroni di casa. Ma, sappiamo bene di che di quale sport si sta parlando, ne di arti marziali e ne di boxe, ma del giuoco del calcio.

Fasi salenti del 1’ tempo: dopo un paio di fuorigioco più o meno millimetrici fischiati alle avanzate biancoverdi, al 9’, Genchi ci provava su calcio di punizione da oltre 20 metri di distanza, con sfera che terminava poco distante dal palo di destra della porta difesa da Narciso. Al 18’, ancora Genchi, che ribadiva in rete malgrado l’evidente offside. Due minuti dopo, Sarao concludeva con palla deviata in angolo. Al minuto 22.mo, Narciso usciva in anticipo su Genchi lanciatissimo in area di rigore. Al 29’, il laterale ospite Squillace faceva partire un tiro-cross tagliatissimo dalla sinistra, con Bardini che preferiva rifugiarsi deviando la sfera in angolo. Al 31’, Bei piazzava un invitante assist in piena area, li dove Sarao non ci arriva per una questione di pochissimi centimetri. Al 25’, risposta degli ospiti con una punizione di Squillace dalla sinistra, con l’estremo difensore di casa che usciva in presa alta bloccando la sfera. Al 36’, sulla mediana del Monopoli, l’arbitro avrebbe ignorato un presunto fallo su Scoppa, con l’azione che proseguiva in favore dei siciliani: la prima velenosa conclusione di Foggia veniva deviata ottimamente da Bardini, ma sulla ribattuta un evidente buco venuto a crearsi in area biancoverde metteva nelle condizioni di calciare a rete Marano, il quale trafiggeva l’estremo di casa; vantaggio ospite. I padroni di casa si riorganizzavano presto. Al 41’, Sounas batteva corto un angolo in favore dell’accorrente Genchi che metteva la palla in mezzo all’area; il più lesto a svettare i alto è Sarao (nell’istantanea di Paolo Formica) con l’ariete meneghino che superava Narciso; 1-1. I biancoverdi, galvanizzati dal gol del pari ci riprovavano poco dopo, quando al 44’ Scoppa – su un chiaro schema – lasciava partire un tiro tesissimo che l’estremo siciliano bloccava non senza apprensione. Dopo  un minuto di recupero, l’arbitro fischiava la fine della prima frazione.

Fasi salenti del 2’ tempo: inizio frizzante per i padroni di casa che, dopo un paio di giri di lancette si rendeva pericoloso in area ospite. Il centrale Gianola allungava la palla i angolo deviandola alta sulla traversa. Al 7’, Genchi si aggiustava la palla sul mancino e, una volta entrato in area faceva partire un bel tiro; Narciso era ben piazzato e bloccava la conclusione. Al 9’, rispondevano gli ospiti con una conclusione alta di Marano. Al minuto 20.mo, Foggia concludeva un tiro teso, che però terminava sul torace di Bacchetti. Al 25’, l’uscita di Genchi con l’innesto di Mavretic, disponeva i padroni di casa da una bozza di 4-3-3 (Donnarumma alto a sinistra) a un sostanziale 3-4-2-1. Alla mezzora, un angolo calciato da Sounas trovava la testa di Sarao che, però, spediva centralmente con conseguente deviazione del portiere Narciso. Al 33’, i siciliani rispondevano con una conclusione di Russo al 33’; ma la sua conclusione risultava alta fuori misura. Al 43’, un’incursione di sounas in area lentinese veniva prontamente smorzata dall’intervento di un difensore. Al 45’, Squillace alleggeriva una palla all’apparenza innocuo, la cui terminava fuori. Dopo 3 minuti di recupero terminava lì incontro, senza vinvitori, e senza vinti. Il punto serve ad ambedue le compagini ma, esclusivamente per muovere la classifica. Settimo punto sui potenziali 9 della gestione Scienza: bicchiere mezzo vuoto ..o mezzo pieno?

Nei prossimi tre giorni, si assisterà alle ultime scoppiettante (si spera) trattative di calciomercato. Il Monopoli a detta del DS Pelliccioni – farà sicuramente qualcosa, sia in entrata che in uscita. Difficile, al momento, sembrerebbe l’arrivo della punta Salvemini di proprietà Ternana. Ma, se non lui, almeno un’altra punta arriverà sicuramente. In caso del (provabilissimo) rientro all’Inter dal prestito di Souare, potrebbe giungere un ulteriore punta under, probabilmente italiana – discorso non strettamente legato all’arrivo o meno di uno tra Salvemini o Barisic. Il maggior responsabile del calciomercato biancoverde, il simpatico sammarinese Alfio Palliccioni, in comune accordo con le esigenze di Beppe Scienza e del progetto societario, ci ha lasciato intendere che il Monopoli non resterà assolutamente con le mani in mano. Una o più pedine in arrivo ce ne saranno, ma saranno necessità virtù legate a stretto filo con le esigenze e con in propositi societari basilari.

Tabellino:            

MONOPOLI-SICULA LEONZIO 1-1 – Reti: 36’ Marano (SL); 41’ Sarao (MO)

MONOPOLI (3-4-1-2): Bardini; Ferrara (89’ Longo), Bacchetti, Mercadante; Bei (57’ Benassi); Zampa, Scoppa, Donnarumma; Sounas; Sarao, Genchi (69’ Mavretic). A disposizione-non entrati: Bifulco, Convertini; Ricucci, Souare, Tafa, Cappiello, Russo S, Eleuteri. All.: Scienza

SICULA LEONZIO (4-3-3): Narciso; Pollace, Gianola, Aquilanti, Squillace; Marano (64’ D’Angelo), Esposito; Bollino (73’ De Felice), Foggia (73’ Lescano), Russo F. A disposizione-non entrati: Ciotti; Monteleone, Granata, Bonfiglio, Cozza. All. Diana.

Arbitro: Valerio Maranesi della sezione di Ciampino; addizionali, Angelo Vingo di Pisa e Nicola Nevio Spiniello di Avellino.

NOTE – Ammoniti: Bei Zampa (MO); Davì (SL). Espulsi: nessuno. Angoli: 7-9. Recupero: 1’/3’. Giornata appena fresca e ventilata dal cielo prevalentemente poco nuvoloso. Terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 1529 –  quota abbonati 944 (presenti, nello specifico settore, 8 supporter lentinesi).

Commenti

Sport361, lo sport a 360 gradi + 1. E' un canale di Lifestyleblog.it

Privacy Policy

Privacy Policy

Facebook

To Top