L’Audace Cerignola, prossima avversaria del Gabbiano

Il primo gruppo sportivo che ha intrapreso la pratica del calcio a Cerignola fu costituito nel 1912. Solo intorno alla fine degli anni venti del secolo scorso cominciò a partecipare a campionati provinciali e regionali.

L’attuale assetto societario ha come proprietaria la ‘New Grieco Group Srl’, una piattaforma multicanale specializzata nei prodotti per l’igiene della casa e la cura della persona. Il club del presidente Nicola Grieco si riaffaccia in un campionato professionistico dopo ben ottantasei anni. 

Il Cerignola è alla sua terza effettiva apparizione in un torneo nazionale di terzo livello, da cui non vi partecipava dalla lontanissima stagione 1935/36. Affida le chance di permanenza a Michele Pazienza, quarantenne tecnico sanseverese al suo terzo anno alla guida dell’Audace. La prima squadra ha un’età media di 24 anni, con tre stranieri in organico: il mediano argentino Capomaggio, il trequartista spagnolo Sainz-Maza, la punta marocchina Ismail Achik.

Come gioca 

Tra i moduli di gioco di maggior riferimento di mister Pazienza c’è il 4-3-3. Questo l’ultimo schieramento in occasione del rocambolesco pareggio interno contro l’ex capolista Catanzaro: Saracco; Coccia, Gonnelli, Ligi, Russo; Tascone (41’ Achik), Capomaggio, Bianco (32’ Blondett); D’Andrea, Malcore (61’ Neglia), Sainz-Maza (61’ Langella). Maggior realizzatore con 2 reti è Giancarlo Malcore, in un contesto in cui la compagnie della Capitanata ha all’attivo 5 goal, subendone 6 al passivo.     

Il cammino in campionato

I gialloblu stanno più che sorprendentemente stazionando in zona playoff con 7 punti all’attivo (2 vittorie, 1 pareggio, 1 sconfitta); sesti in classifica recedendo i biancoverdi di un solo punto. La buona posizione in graduatoria della matricola foggiana è il provento di due vittorie (1-0 sul Giugliano in casa, e il 2-1 sulla Fidelis Andria al ‘Degli Ulivi’), oltre al pareggio contro il Catanzaro, nel cui match si sono fatti rimontare solo al 95’. 

I movimenti nel mercato estivo

Tra i pochi confermati rispetto alla scorsa stagione: il portiere under Giuseppe Fares; l’esperto centrale difensivo Allegrini, il terzino sinistro Luca Russo; i centrocampisti Mattia Tascone e Manuel Botta; oltre agli attaccanti Ismail Achik e Giancarlo Malcore.  

Tra i molti nuovi arrivati: i portieri Saracco dalla Fidelis Andria e Salvatore Trezza dal Padova; i difensori centrali Ligi dalla Triestina, Lorenzo Gonnelli dal Cesena, Vincenzo Farucci dal Parma Primavera e lo svincolato Blondett (lo scorso anno alla Fermana), i terzini Giofrè dall’Arezzo e Fabricio Olivera dalla Correggese; i centrocampisti Bianco dal Bari, Galo Capomaggio dal Fasano, Christian Langella dal Pisa (lo scorso anno nelle file del Monopoli), Coccia dal Potenza, Mancarella dal Lecce (lo scorso anno al Nardò); i trequartisti Miguel Sainz-Maza dal Gubbio e Michele D’Ausilio Guadagno dal Giana Erminio; gli attaccanti Samuele Neglia dalla Reggiana, Montaperto dall’Empoli (lo scorso anno al Teramo), Pablo Vitali dal Foggia, Sabino Signorile dal Milan (lo scorso anno al Seregno), Inguscio dal Lecce (lo scorso anno alla Virtus Matino), Marco José Bingo dall’AC Legnano, Ruggiero dal Crotone (lo scorso anno alla Lucchese), oltre a D’Andrea dalla Salernitana (lo scorso anno al Teramo).

Tra le cessioni: il portiere Tricarico al Nardò; i difensori centrali Enrico Silletti al Bitonto, Luigi Manzo all’Angri e Sirri al Brindisi, i terzini Dorval al Bari e Antonio Vitiello -fine prestito- al Napoli (successivamente alla Turris), e Paolo Bianco al Cjarlins Muzane; i centrocampisti Giacomarro alla Nocerina, Francesco Muscatiello al Bitonto, Agnelli alla Casertana, Dario Maltese al Lamezia, e Lorenzo Longo al Molfetta; gli offensivi Nicola Strambelli al Casarano, Loiodice al Barletta, Salvatore Mincica alla Nocerina, Loris Palazzo al Bitonto, Ciccone al Sant’Angelo, oltre allo svincolato Cavallini.

Precedenti storici

L’Audace Cerignola e il Monopoli (AS Liberty) si sono incontrati in tutto 5 volte – tre delle quali nella stagione 2010/2011: la prima in un match di Coppa Italia Eccellenza datato 3 novembre 2010 e vinto dai biancoverdi 3-1 (doppietta di Ferrara, oltre a un gol di Russo); in campionato nella stessa stagione in cui fu la squadra della Capitanata a spuntarla col risultato di 2-1 sul terreno del Veneziani, e con il match di ritorno ancora a loro favorevole in cui si imposero per 3-1 sul proprio terreno di casa. Gli ultimi due confronti furono legati al successivo campionato d’Eccellenza 2011-2012: vittoria del Gabbiano per 1-0 con rete di Pereyra sul rettangolo di gioco monopolitano, e successo cerignolese per 2-1 nel match di ritorno al ‘Monterisi’.

riepilogo

COPPA ITALIA 2010-11: L. MONOPOLI-A. CERIGNOLA 3-1 ECCELLENZA 2010-11: L. MONOPOLI-A. CERIGNOLA 1-2 / A. CERIGNOLA-L. MONOPOLI 3-1 ECCELLENZA 2011-12: L. MONOPOLI-A. CERIGNOLA 1-0 / A. CERIGNOLA-L. MONOPOLI 2-1

Commenti
Total
1
Shares
Articolo precedente

La Lega Navale Monopoli nel campionato Zonale

Articolo successivo

Nuovo rinforzo per il Monopoli: arriva Timothy Nocchi

Related Posts
P